eventi virtuali

Eventi virtuali: fiere e congressi ai tempi del Covid19

La pandemia da Coronavirus ha rivoluzionato il mondo del lavoro (con un forte incentivo dello smart working), delle fiere, dei congressi e di tutti gli eventi dal vivo, che prima sono stati rimandati e poi si sono trasformati in eventi virtuali. La tecnologia ha aiutato interi settori a non fermarsi, ma a tenere uniti espositori, aziende, visitatori e acquirenti grazie alla “modalità a distanza”.

Il boom degli eventi virtuali

Dopo un iniziale sbandamento per il primo lockdown, con tanti eventi rimandati in attesa di conoscere l’evolversi della situazione dovuta al Covid-19 in Italia e nel mondo, molti organizzatori di eventi hanno deciso di puntare su iniziative virtuali spostando mostre, fiere, congressi, formazione, spettacoli teatrali e sfilate di moda su piattaforme digitali.

Leggi anche: Organizzare una conferenza stampa: trucchi e consigli utili

Ma come si organizzano gli eventi virtuali?

Per organizzare al meglio un evento virtuale è importante prima di tutto scegliere una buona piattaforma, testarla e assicurarsi anche un’eccellente connessione a internet. La facilità di accesso alla piattaforma garantisce una partecipazione ampia e, inoltre, permette al pubblico di interagire con domande, sondaggi e commenti che aiuteranno a tenere alta l’attenzione. Inoltre è bene scegliere un orario in cui non ci siano altri impegni in programma che possano distogliere l’attenzione dal nostro evento.

Ogni evento va pubblicizzato e quelli virtuali non fanno eccezione. In questo caso è opportuno pubblicizzare l’iniziativa su social network e portali internet, scegliendoli in base al target di pubblico da raggiungere. Sarà importante realizzare dei contenuti coinvolgenti che diano informazioni accurate. Se l’evento è a pagamento, è necessario specificare tutte le modalità per versare la quota ed eventuali scadenze. Il pagamento o una registrazione gratuita sapranno indicare in anticipo, invece, il numero di persone che parteciperanno.

Leggi anche: Come si organizza una riunione aziendale

I vantaggi degli eventi virtuali

La presentazione di un prodotto, una fiera o un congresso: qualunque sia il tuo evento virtuale da organizzare è possibile creare un ambiente in 3D personalizzato e se necessario anche un avatar. Il mondo virtuale ha molto spazio, non ci sono limiti di posti (gli eventi non sono mai a numero chiuso), si riducono di molto i costi (sia organizzativi che di viaggio per chi deve spostarsi per partecipare a una fiera). Poi si possono controllare tutte le informazioni in tempo reale, si possono organizzare traduzioni in più lingue, e poi facilitare anche l’accesso a persone con disabilità per un evento totalmente inclusivo. Pensiamo ad esempio ai sordi, per i quali si può prevedere una traduzione nella lingua dei segni. E in più in un evento virtuale non ci sono barriere architettoniche!

L’esperienza di Nikal al servizio di tutti

Nikal Solutions si è specializzata nell’organizzare eventi virtuali, andando incontro alle esigenze dei propri clienti in questo difficile momento dovuto all’emergenza sanitaria. Siamo in grado di organizzare iniziative e fiere per accogliere i partecipanti in modo interattivo, far vivere esperienze coinvolgenti e nuove, oltre che utili. Tutto questo grazie a un team specializzato e capace di sfruttare al meglio le più recenti tecnologie.

Scopri il servizio di organizzazione Eventi Aziendali e contattaci per un preventivo


Arredare sala conferenze

Come arredare una sala conferenze

Quando si organizzano conferenze, workshop o riunioni di lavoro bisogna preparare in modo adeguato la sala che ospiterà l’appuntamento. Un ambiente ben organizzato, infatti, consente da una parte ai partecipanti di concentrarsi al massimo e dall’altra rappresenta un’immagine dell’azienda, delle sue capacità e della sua filosofia.

La sala conferenze: fulcro aziendale

Secondo un sondaggio sul mondo del lavoro, in ufficio quasi il 40% del tempo viene impiegato in riunioni e incontri con colleghi e clienti. Alla luce di questo dato assume ancora più importanza progettare nei minimi dettagli la sala che ospiterà i meeting aziendali, un luogo che deve essere funzionale, creativo e comodo e deve mettere i partecipanti a proprio agio. Durante una riunione infatti ci si confronta, si dialoga, si elaborano strategie, ci si scambia opinioni e si risolvono problemi, per questo un ambiente curato riesce ad essere accogliente e a predisporre le persone alla collaborazione.

Leggi anche: Come si organizza una riunione aziendale

I colori dell’arredamento e della sala

Per rendere una sala accogliente e dinamica e anche di buon gusto è necessario un arredamento semplice ma funzionale, una buona illuminazione e un’ottima acustica. L’ideale sarebbe avere uno spazio flessibile e adattabile a diversi tipi di riunioni o incontri e al numero delle persone che parteciperanno. Uno spazio modulabile con pareti divisorie mobili.

Un aspetto non trascurabile sono i colori della stanza, perché le tonalità hanno un impatto sullo stato d’animo. Non sempre bianco, nero e grigio associati alla luce al neon sono la migliore soluzione. Meglio colori tenui sul blu o verde che infondono benessere e produttività. Sì anche ad alcune tonalità di rosso e giallo, per incrementare la creatività e l’innovazione.

Come arredare la sala

Gli arredi devono essere funzionali all’attività lavorativa, ma dare anche una sensazione di rilassamento e comodità. Le sedie ad esempio devono essere comode e avere un supporto ergonomico per la schiena e adattarsi all’altezza del tavolo. Il tavolo, infatti, è il re della sala, e va scelto in base alle misure della stanza: l’importante è che la sua forma e la sua posizione permettano il contatto visivo con il leader e tra gli altri partecipanti.  La sala deve essere tecnologicamente attrezzata per consentire la visione di video o slide, con un’ottima visione e lettura da tutte le postazioni.

Un’attenzione particolare va posta anche nella scelta di tendaggi e lampade per modulare in modo adeguato la luce all’interno della stanza. Inoltra deve esserci una buona acustica, mobili ed espositori per il materiale informativo e un distributore di acqua. È importante che tutto l’ambiente sia armonico e che ogni singola scelta (colori, forme e altri elementi decorativi) rimandi all’immagine aziendale, perché la sala conferenze accoglierà sia il personale per le riunioni di lavoro che nuovi clienti e collaboratori.

Leggi anche: Organizzare una conferenza stampa: trucchi e consigli utili

 

    Come possiamo essere utili?

    *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

    *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

    *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


    Riunione aziendale, come organizzarla

    Come si organizza una riunione aziendale

    Una riunione aziendale è un momento importante e formativo per tutto il team che vi partecipa. È un’occasione di confronto, di scambio e di programmazione del lavoro ma anche di crescita professionale e personale, a patto che venga organizzata bene. Ci sono delle regole affinché la riunione sia efficace e produttiva, porti quindi dei vantaggi e non sia vista invece come una perdita di tempo o una dispersione della forza lavoro.

    I tipi di riunione aziendale

    Prima di convocare un incontro è bene definire l’oggetto della discussione e quindi che tipo di meeting sarà: ad esempio bisogna fare il punto di una situazione, risolvere un problema o presentare un nuovo progetto. Una riunione aziendale può essere:

    • decisionale, dove vengono valutate delle proposte e fatte delle scelte;
    • analitica, organizzata per analizzare e risolvere delle problematiche;
    • di coordinamento, utile per scambiarsi informazione e organizzare le diverse lavorazioni;
    • formativa, in cui verranno trasmesse delle conoscenze;
    • motivazionale, dove viene coinvolto il team al fine di raggiungere un obiettivo.

    Leggi anche: Meeting aziendale: quando serve e come organizzarlo al meglio

     

    Invitare i partecipanti

    Prima di tutto chi organizza la riunione deve avere chiaro in mente lo scopo dell’incontro e invitare solo i partecipanti veramente interessati. È importante fissare un ordine del giorno con pochi punti e convocare quindi solo chi è direttamente coinvolto nella discussione. No a riunioni aperte a tutti e molto lunghe. L’invito alla riunione deve giungere per tempo per consentire a tutti di organizzare il proprio lavoro e altri impegni. Vanno anche programmati gli interventi e fissata una durata massima sia delle singole esposizioni che della riunione stessa.

    Organizzare sala riunioni aziendale

    La sala per la riunione

    In base al numero dei partecipanti e al tipo di riunione è necessario poi scegliere la location giusta in cui si terrà la riunione e verificare la disponibilità e gli spazi. Se sarà una riunione di aggiornamento i partecipanti avranno bisogno di un piano di appoggio (ad esempio un banco); se invece sarà il lancio di un prodotto sarà utile una sala come quella di un teatro; se si tratta di una riunione per poche persone meglio una sala piccola con tavolo classico rotondo dove potersi guardare l’uno con l’altro. In base al tipo di incontro è bene verificare anche quali strumenti (microfoni, proiettore o computer, lavagna) saranno necessari e il loro funzionamento.

    Leggi anche: Come organizzare un evento aziendale di successo

     

    Le regole per una buona riunione

    Per organizzare bene una riunione aziendale ci sono delle piccole regole da seguire. Prima di tutto una persona deve essere incaricata di coordinare la riunione, facendo una breve introduzione delle tematiche da affrontare. Servirà poi un’altra persona che possa prendere appunti per stendere un promemoria con le decisioni prese, le strategie da intraprendere e i soggetti da coinvolgere. Al termine della riunione sarà utile per stilare un verbale da consegnare a tutti i partecipanti.

    A coloro che dovranno effettuare un intervento durante l’incontro è bene consegnare un’agenda preliminare e una scaletta con i temi degli interventi. Verificare se è necessario produrre del materiale (opuscoli, fotocopie) da consegnare ai partecipanti durante la riunione. Se la durata del meeting è piuttosto lunga, è meglio prevedere un “coffee break”, in modo da poter consentire ai partecipanti di ricaricare le energie per seguire al meglio tutto l’incontro.

    Scopri il servizio Organizzazioni Eventi Aziendali di Nikal Solutions

     

      Come possiamo essere utili?

      *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

      *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

      *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


      Conferenza stampa, organizzare un evento di successo

      Organizzare una conferenza stampa: trucchi e consigli utili

      Quando aziende, associazioni o personaggi pubblici hanno informazioni o notizie importanti da comunicare ai giornalisti e ai media organizzano una conferenza stampa. Si tratta di un appuntamento in cui i maggiori organi di informazione vengono invitati a partecipare dal vivo (in una sede scelta), o come sta avvenendo in questo periodo in cui sono vietati gli assembramenti, da remoto (si fornisce un link con una mail per accedere a una canale specifico). Ma come va organizzata una conferenza stampa? Noi di Nikal Solutions sappiamo bene quali aspetti vanno curati per una buona riuscita dell’evento. Ecco nel dettaglio i suggerimenti più importanti per una conferenza stampa perfetta.

      Conferenza stampa: il motivo

      Quando si decide di indire una conferenza stampa alla base c’è qualcosa di importante da comunicare: ad esempio il lancio di un prodotto nuovo, un cambio al vertice di un’azienda, oppure un evento di rilevanza o ancora un progetto.

      Una buona motivazione assicura anche il successo di una conferenza stampa in termini di presenza e di ottimi contenuti che verranno pubblicati. Inoltre, è importante invitare i giornalisti giusti in base al settore di competenza, in modo che il pubblico presente sia davvero interessato all’argomento oggetto della conferenza.

      Leggi anche: Come scegliere la location giusta per un evento aziendale

      Tempistiche

      È essenziale prima di tutto verificare che nel giorno e nell’ora in cui fisseremo la conferenza stampa non ci siano altri grandi eventi in programma. Una volta scelti il giorno e la location, bisognerà fissare l’orario: è preferibile la mattina, tra le 10 e le 12, per dare modo ai giornalisti intervenuti di poter scrivere l’articolo o preparare un servizio televisivo nell’arco della giornata. Va considerato che ogni testata ha le sue tempistiche lavorative.

      L’invito a partecipare deve essere inviato ai giornalisti almeno 5 o 7 giorni prima, meglio se di venerdì, in modo che possano avere il tempo di organizzare la propria agenda settimanale e fissare l’impegno per tempo.

      Uno o due giorni prima è preferibile fare un recall per ricordare l’appuntamento ai giornalisti o alle redazioni. È bene effettuare una chiamata, e non inviare solo una e-mail, per procedere con gli accrediti, dare qualche informazione che incuriosisca e tenere un rapporto diretto.

      Giornalisti in conferenza stampa

      Sala e accrediti stampa

      La conferenza stampa va organizzata in sede o in una location che sia abbastanza centrale o facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici. È importante che la sala abbia la capienza giusta per accogliere tutti gli invitati e che all’interno sia tutto predisposto e funzionante: ad esempio video proiettori, microfoni, tavolo relatori ecc.

      Prima di consentire l’accesso alla sala, i giornalisti devono registrare la partecipazione su una tabella, lasciando tutti i dati di contatto. Si può anche decidere di effettuare una diretta streaming per chi non può intervenire in sala, in questo modo si amplierà il proprio pubblico. Questo sistema è molto utile in caso di gravi problematiche, ad esempio la pandemia da Coronavirus o importanti scioperi dei mezzi di trasporto, ma non deve privarci dei giornalisti in sala.

      Leggi anche: 7 Consigli per organizzare il convegno perfetto tratti dalla nostra esperienza

      Contenuti

      La conferenza deve durare al massimo un’ora. Ci sarà un moderatore a condurre gli interventi dei relatori. Al termine bisogna lasciare del tempo alla stampa di poter fare domande per avere chiarimenti in merito alle dichiarazioni rilasciate o al materiale inviato in precedenza come press kit (comunicato stampa, dati, materiale video o fotografico inserito in una pennetta usb, slide ecc.) o consegnato al momento di entrare in sala.

      Bisogna anche considerare che ogni giornalista potrebbe aver bisogno di interviste (pensiamo ad esempio alle tv e alle radio, o a chi produce lanci sui social) o dichiarazioni specifiche. In questo caso di possono gestire brevi interviste singole, oppure a piccoli gruppi per andare incontro alle esigenze delle singole testate.

      Piccoli consigli

      In caso di eventi importanti, può essere molto utile lanciare un proprio hashtag, e invitare la stampa ad utilizzarlo. Questo aiuta a monitorare tutte le discussioni in rete riguardanti l’evento. In base anche al budget che si ha a disposizione, è possibile prevedere al termine della conferenza stampa un piccolo buffet per concludere la giornata facendo pubbliche relazioni.

      Scopri il servizio di Organizzazione Eventi di Nikal Solutions

       

        Come possiamo essere utili?

        *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

        *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

        *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


        meeting-aziendale

        Meeting aziendale: quando serve e come organizzarlo al meglio

        Organizzare un meeting aziendale di successo significa creare un evento a metà strada tra lavoro e promozione del brand. Per farlo bisogna centrare l’obiettivo e creare l’atmosfera giusta per determinare la buona riuscita dell’evento. Vediamo insieme quando serve e come organizzarlo al meglio.

        Meeting aziendale: cos’è e a cosa serve

        Il meeting aziendale è un incontro lavorativo che serve a rafforzare la coesione fra il manager e i suoi dipendenti, migliorare i processi lavorativi e incrementare la produttività. Per organizzarlo occorrono strumenti di pianificazione e analisi delle performance affinché il risultato finale risulti perfetto. Molte aziende hanno al loro interno personale specializzato nella gestione di meeting aziendali, ma spesso ricorrono anche a ditte esterne. Come Nikal Solutions, dotato di un team altamente qualificato in grado di occuparsi dell’intera conduzione del meeting, dall’allestimento alla sponsorizzazione dell’evento, rispondendo alle esigenze più complesse.

        Leggi anche: Come organizzare un evento aziendale di successo

        Tipologie di meeting aziendale

        Prima di organizzare un meeting aziendale bisogna avere chiaro l’obiettivo che si vuole raggiungere e il target di riferimento. Da questo dipenderanno poi il luogo e la durata dell’incontro. Per capire meglio bisogna sapere che ci sono varie tipologie di meeting aziendale:

        • RIUNIONE DI LAVORO: manager e dipendenti si incontrano per confrontarsi sull’andamento del reparto e dell’intera azienda (nuove strategie e problem solving). L’incontro, a cadenza regolare, si svolge in azienda e può durare fino a un’ora.
        • ACCORDI COMMERCIALI: meeting tra partner commerciali, spesso investitori ma anche fornitori o clienti. Si può svolgere in apposite aree dell’azienda oppure in strutture specializzate che garantiscono una serie di servizi di qualità per coinvolgere e ammaliare i propri ospiti.
        • LANCIO DI PRODOTTI: l’incontro ha carattere unico e coinvolge un numero elevato di partecipanti, che possono essere dipendenti diretti o indiretti dell’azienda. L’obiettivo è quello di incrementare le vendite, perciò l’evento dovrà essere di impatto emotivo e coinvolgente.
        • CONFERENZA STAMPA: serve a comunicare una situazione rilevante che riguarda l’azienda. Può essere periodico (pubblicazione del bilancio annuale) o avere carattere unico (nuova politica aziendale o cambio dei vertici). L’evento avrà una risonanza mediatica, perché è prevista la presenza dei giornalisti, quindi la location dovrà supportare tutte le esigenze del caso (collegamenti ad internet, cavi di alimentazione, acustica, servizio di catering ecc.)

        Leggi anche: Come scegliere la location giusta per un evento aziendale

        Come organizzare al meglio

        Per organizzare un meeting aziendale di successo ci vogliono competenza e strategia. Una squadra di professionisti dovrà occuparsi di ogni passaggio: dall’allestimento alla logistica, al tecnico, alla comunicazione, fino a strategie di marketing e social-media. Tutto deve essere impeccabile e soddisfare clienti e ospiti in ogni fase.

        La location gioca un ruolo cruciale del meeting aziendale e ne determina la buona riuscita. Deve avere caratteristiche come capienza, attrattiva e funzionalità. Se si tratta di una sala, dovrà avere tutte le installazioni necessarie: rete wi-fi libera, impianto acustico, proiettore, comode sedute e tavolini per prendere appunti. Anche la comunicazione è importante. Bisogna raggiungere tutti i contatti creando una mailing list, e sviluppare sui canali social una viralità con contenuti, hashtag, stories, link in bio, call to action creando relazioni volte ad accrescere l’immagine aziendale e il suo business.

        Scopri i nostri servizi di Organizzazione Eventi Aziendali

         

          Come possiamo essere utili?

          *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

          *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

          *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


          evento-aziendale

          Come organizzare un evento aziendale di successo

          Un evento aziendale rappresenta un momento importante per la comunicazione e il marketing di un brand. Per definizione, è un incontro dedicato alle persone che lavorano nella stessa azienda il cui obiettivo strategico è quello di sviluppare nuovi contatti, consolidare quelli esistenti e aprirsi a nuove opportunità di crescita. Vediamo come organizzare un evento aziendale di successo.

          Evento aziendale: tipologie e obiettivi

          Prima di organizzare un evento aziendale bisogna capire innanzitutto come e perché farlo. Ci sono varie tipologie di evento: meetingconferenze, serate di galaconventionriunionicongressi, e ognuna ha una finalità ben precisa. Dopo aver focalizzato l’obiettivo, si passerà quindi all’organizzazione. Se non avete uno staff interno che faccia fronte a tutti gli step, dalla pianificazione alla realizzazione dell’evento, si può chiedere aiuto a una ditta esterna, come Nikal Solutions, in grado di soddisfare ogni richiesta tramite un ottimo servizio di organizzazione eventi.

          Per capire meglio in cosa consistono i vari eventi, possiamo raggrupparli in tre grandi categorie:

          • EVENTI CORPORATE: Ha a che fare con la comunicazione, e il suo obiettivo è fare conoscere la brand identity di un’azienda. Fanno parte di questa categoria le convention o convegni (leggi alcuni consigli per organizzare un convegno di successo), e servono a presentare il progetto dell’azienda e i valori che la caratterizzano.
          • EVENTI TRADE: Riguarda le tecniche di marketing indirizzate al distributore. Si rivolge quindi ai partner commerciali dell’azienda, perciò l’evento dovrà trasmettere la forza, la concretezza e l’affidabilità del brand. Un esempio di trade aziendale è una serata di gala, un premio di produzione o un viaggio di lavoro.
          • EVENTI CONSUMER: Questo tipo di evento ha finalità commerciale, ed è quindi rivolto al pubblico. Solitamente si tratta del lancio del brand, di un nuovo prodotto, o di un nuovo punto vendita. Deve essere un evento entusiasmante, che colpisca e faccia aumentare le vendite.

          organizzare-evento-aziendale

          Gli step principali per un evento aziendale di successo

          Pianificazione, strategia e creatività sono elementi indispensabili per il successo di un evento aziendale. Per essere impeccabili e non deludere le aspettative, occorre considerare alcuni aspetti e procedere con ordine. Gli step principali sono:

          1. BRIEFING: Preparare una breve riunione di lavoro, o briefing, in cui verrà individuata la strategia pubblicitaria e le linee guida da seguire.
          2. BUDGET: Il budget a disposizione determinerà l’entità dell’evento aziendale, perciò è opportuno utilizzare al meglio le risorse.
          3. TEAM: È importante creare una squadra connessa, che sappia svolgere i vari compiti in sinergia e abbia capacità di problem solving. Si passa dalla logistica alla comunicazione e sponsorizzazione dell’evento, all’eventuale prenotazione di alloggi per gli ospiti, alla fornitura del materiale per l’allestimento della location.
          4. LOCATION: È una delle scelte più importanti, perché da questa dipenderà la buona riuscita dell’evento. Tra i vari aspetti da valutare ci sono: la capienza, l’attrattiva, la funzionalità sotto vari punti di vista, dal libero accesso alla rete wi-fi alle barriere architettoniche.
          5. SPONSORIZZAZIONE: Volantini, brochure, depliant, manifesti pubblicitari sono indispensabili per sponsorizzare l’evento. Di pari passo vanno aggiunti i canali social, con dei post sempre aggiornati e accattivanti.
          6. CHECK-LIST: È fondamentale per seguire alla lettera tutti i passaggi, affinché non ci siano dimenticanze o sorprese dell’ultimo minuto. Allestimento, inviti, luci, audio, traduttori, catering: nulla deve essere lasciato al caso. Per un evento aziendale di successo la parola organizzazione significa proprio questo.
          7. CREATIVITÀ: Un evento aziendale deve essere preparato ad hoc per risultare interessante da ogni punto di vista, sia intellettuale che emozionale. Deve stupire i partecipanti, suscitare emozioni, quindi ai contenuti andrà di pari passo la forma e un certo grado di intrattenimento e mondanità.
          8. SOCIAL ENGAGEMENT: Creare una “viralità” all’interno dei social network servirà ad aumentare l’attrattiva e la memorabilità dell’evento aziendale. Dall’hashtag, alle stories al follow up, un professionista si occuperà di seguire passo passo il live blogging dell’evento.

          Questi passaggi saranno fondamentali per un evento aziendale di successo, sia in termini di performance che di gradimento.

           

            Come possiamo essere utili?

            *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

            *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

            *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


            eventi-fieristici

            Eventi fieristici: cosa sono e consigli utili per allestire uno stand

            Gli eventi fieristici rappresentano un’occasione importantissima per promuovere attività, brand, prodotti o servizi. Partecipare è fondamentale per farsi conoscere e tirare fuori tutto il proprio potenziale. Ma una volta ottenuto lo spazio, cosa si deve fare? Bisogna avere un’idea precisa affinché l’allestimento non risulti improvvisato e poco efficace. Ecco allora alcuni consigli utili per allestire bene uno stand e avere successo.

            Ogni attività per crescere ha bisogno di pubblicità e visibilità, e gli eventi fieristici sono da sempre un’opportunità unica. Per questo è importante avere uno stand che colpisca al primo impatto. La curiosità suscita interesse: quale esca migliore per avvicinarsi a te?

            L’immagine è tutto

            Le fiere sono posti affollati e movimentati, e per distinguersi l’immagine è tutto. Per prima cosa, scegli bene i colori con cui allestire il tuo banchetto: fai in modo che siano netti e significativi. Se monti poster, roll-up o schermi digitali, le immagini devono essere chiare, ad alta risoluzione e d’impatto, per attirare lo sguardo del visitatore. Occhio alle frasi che userai per pubblicizzare la tua attività o i tuoi servizi. Frasi brevi e immediate, perché non servono interpretazioni, ma solo certezze. Attenzione ad usare la lingua giusta: quella della nazione che ci ospita o l’inglese per gli eventi internazionali. Lo stand è come un biglietto da visita, perciò è importante sfruttarlo al massimo in questo senso.

            Leggi anche: Visual Merchandising, cos’è e come sfruttarlo nella tua azienda in cinque mosse

            Ottimizza gli spazi del tuo stand

            Metti in mostra le attrezzature o i prodotti più rappresentativi del tuo brand, dando risalto alle ultime novità. Le fiere servono anche a fare da anteprima ai nuovi prodotti e guadagnare subito nuovi feedback. Crea uno stand organizzato e personalizzato usando bene il tuo spazio. Uno stand fieristico deve essere funzionale, non sovraccaricarlo! Nel crearlo, pensa al flusso delle persone che passeranno vicino o dentro lo stand e allestisci gli spazi in modo da agevolare questo flusso. Utilizza degli espositori verticali per appoggiare i prodotti più piccoli e ottimizzare gli spazi.

            eventi fieristici divanetti

            Per interagire usa la dialettica e la tecnologia

            Quando il visitatore, attirato, si avvicinerà a te, cerca di coinvolgerlo con discrezione e cordialità. Parla lentamente e cerca di captare con domande gli interessi dell’interlocutore. La dialettica è importante, ma usa anche la tecnologia! In un pratico tablet o pc carica un video di presentazione, brillante e dettagliato, da mostrare al visitatore come tua vetrina. Dalla sua reazione dipenderà la curiosità delle altre persone che girano intorno al tuo stand. Se avrà successo, non esiteranno ad avvicinarsi. Gli espedienti interattivi fanno molta presa negli eventi fieristici, perciò giocati bene questa carta.

            Altro modo per agevolare l’interazione è quello di esporre oggetti da regalare, meglio se interessanti e poco scontati. Alternativamente, offri qualcosa da bere o mangiare, meglio se su sedie e divanetti. Girare per le fiere può essere stancante e spesso le persone sono attirate dalla possibilità di abbinare un incontro con un buon caffè.

            Leggi anche: Brand Identity, cos’è e come costruirla in maniera efficace

            Memorizza subito i nuovi contatti

            Su un’agenda, smartphone o tablet, memorizza subito tutti i contatti utili con cui hai interagito concretamente, segnandoti gli interessi di ogni persona. Non esitare a ricontattarli il giorno dopo o subito dopo l’evento, inviando un messaggio o una mail riagganciandoti al discorso fatto in fiera. Risulterai serio, di parola e avrai maggiori possibilità di essere ricontattato per offrire i tuoi servizi o i prodotti della tua azienda. Inoltre, tieni sempre pronti i tuoi bigliettini da visita o brochure, in modo da lasciare qualcosa alla persona che approccia il tuo stand.

             

              Come possiamo essere utili?

              *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

              *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

              *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


              Certificazione ISO 2012-1

              Eventi firmati Nikal: una garanzia di successo certificata ISO 20121

              Nikal Solutions ha recentemente ricevuto la certificazione ISO 20121, uno dei più importanti riconoscimenti nel settore eventi che certifica il rispetto di standard di gestione elevati nell’organizzazione di eventi sostenibili. Nikal possiede una profonda competenza nell’organizzazione di eventi pensati per rappresentare al meglio la vision e la reputazione dell’Azienda cliente ponendo grande attenzione nel garantire un equilibrio tra gli aspetti economici e logistici e valorizzando il contesto sociale e ambientale in cui si svolge l’evento.

              La propensione alla crescita e allo sviluppo di servizi moderni in grado di offrire standard sempre più elevati è una costante del team internazionale di professionisti specializzati di Nikal e l’ottenimento della certificazione ISO 20121 lo conferma.

              Il primo evento organizzato da Nikal nel rispetto della certificazione ISO 20121 è stato il “The Esa Earth Observation Φ-week”, una cinque giorni interamente dedicata all’osservazione della terra per l’Agenzia spaziale europea (ESA) per discutere su gli ultimi sviluppi delle tendenze Open Science, che si è tenuto dal 12 al 16 novembre 2018.

              The ESA earth observation week 2018

              Il Living Planet Symposium organizzato da Nikal

              In questi giorni il professionisti di Nikal sono a lavoro su un altro evento di rilevanza internazionale: il Living Planet Symposium, in programma al MiCo di Milano dal 13 al 17 maggio 2019, organizzato per conto dell’Esa.

              Il Living Planet Symposium si tiene in Italia ogni 3 anni ed è fra le più importanti conferenze internazionali sul tema dell’osservazione della Terra che attrae migliaia di scienziati e professionisti del settore che presenteranno le loro ultime scoperte sulla terra e sul clima ottenute grazie all’osservazione del nostro pianeta dai satelliti. L’iniziativa si concentrerà sul ruolo dell'osservazione della Terra nella costruzione di un futuro sostenibile e di una società resiliente.

              L'evento vedrà non solo gli scienziati presentare le loro ultime scoperte sull'ambiente terrestre e il clima derivato dai dati satellitari, ma si concentrerà anche sul ruolo dell'osservazione della Terra nella costruzione di un futuro sostenibile e di una società resiliente. I partecipanti saranno anche in grado di esplorare in che modo le tecnologie emergenti stanno rivoluzionando l'uso dell'osservazione della Terra.


              Brand Identity: Come costruirla al meglio

              Brand Identity: cos’è e come costruirla in maniera efficace

              Chi ha un’azienda e vuole sfruttare le infinite potenzialità del web per crescere ed espandersi con successo dovrà partire dalla costruzione di una buona Brand Identity. Tutte le energie dovranno concentrarsi sulla definizione di un’identità aziendale solida e longeva, strumento fondamentale per creare l’engagement giusto e raggiungere il target interessato.

              In cosa consiste la Brand Identity e perché è così importante?

              Prima di parlare dell’identità aziendale, è opportuno fare un passo indietro e definire cos’è un brand. Una definizione “nuda e cruda” del brand è quella di “marchio”, ovvero “la denominazione commerciale o il simbolo che contraddistingue un determinato prodotto da altri simili sul mercato”. Questa nozione però, risulta troppo riduttiva per una strategia di marketing, meglio ancora se si tratta di Digital Marketing. Il brand deve evocare agli utenti una serie di sensazioni, positive o negative, come fiducia, sicurezza, intolleranza, appartenenza ai valori ecc.

              Ecco che la Brand Identity di un’azienda acquista un enorme significato per il successo di una strategia di comunicazione.

              Ogni brand deve avere una propria visione, chiara e decisa, perché un’ideologia aziendale di valore, oltre ad essere un collante fondamentale per le risorse umane dell’azienda, è anche la chiave per entrare nella mente degli utenti attirando nuovi potenziali clienti.

              L’identità di un’azienda o di un brand, infatti, viene alimentata proprio dal rapporto con il pubblico, che deve essere coinvolto, coccolato, sedotto grazie ai punti di forza e conquistato con i valori professionali che la contraddistinguono.

              Curare il rapporto con gli utenti, essere trasparenti e condividere la propria attività aziendale sono i segreti di una buona strategia per conquistare engagement.

              Brand Identity: distinguersi per diventare unici

               

              Avere chiaro lo scopo del proprio brand e puntare su elementi distintivi sono le basi della Brand Identity. Chiarito questo, il passo immediatamente successivo invece è saperla comunicare nel modo giusto.

              Lo storytelling è un alleato straordinario per esprimere e diffondere lidentità aziendale. Il brand, quindi, deve avere un proprio linguaggio identificativo con il quale deve raccontarsi, emergere e conquistare.

              Sotto questo aspetto, uno strumento sempre più apprezzato per coinvolgere il proprio pubblico o attirarne di nuovo è il visual storytelling, che sfrutta il potere emozionale delle immagini lì dove il testo potrebbe risultare meno efficace.

              Il successo della strategia di comunicazione di un brand passa per tre step fondamentali:

              1. Brand Identity, sapere chi siamo e saperlo comunicare
              2. Brand Awareness, essere conosciuti
              3. Brand Reputation, essere apprezzati

              Il segreto della lunga vita di un brand è racchiuso proprio in questi tre punti. Una cura costante dell’identità aziendale, della consapevolezza del marchio e della sua reputazione è l’unica strada per scalare la vetta del successo.

               

                Come possiamo essere utili?

                *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

                *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

                *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


                Tavola rotonda tra gli eventi aziendali

                Eventi aziendali: come scegliere quello giusto per aumentare la brand identity

                Ad ogni azienda il suo evento: dal piccolo workshop al grande avvenimento. Ma come scegliere quello giusto per un’impresa? Dipende innanzitutto dal target di persone che si vogliono invitare, dal tipo di contenuto che si vuole veicolare e dagli obiettivi che si vogliono raggiungere.

                La funzione principale degli eventi corporate è aumentare la brand identity di un’azienda e quindi rafforzare il rapporto con dipendenti e clienti. Un evento aziendale è un’importante investimento in termini economici e di immagine e può considerarsi riuscito se l’obbiettivo di consolidare il legame con il territorio e con il pubblico di riferimento viene raggiunto.

                Sono tanti gli elementi che concorrono al successo di un evento: la location, l’intrattenimento, il catering, il service e la comunicazione. Gli eventi possono essere di varia natura, ma hanno un unico obiettivo: rendere il marchio aziendale sempre più appetibile. Per questo, non sono tutti uguali e non sono tutti strutturati allo stesso modo. Alcuni hanno una funzione didattica e di aggiornamento, altri aiutano a rafforzare la coesione dei dipendenti nel gruppo.

                L’organizzatore deve ideare e progettare tutto nella maniera migliore. L’organizzazione include impegni come la scelta della location e la promozione dell’evento unico nel suo genere. Nikal Solutions ha l’esperienza per organizzare sul territorio nazionale e internazionale eventi di ogni genere, offrendo un servizio efficiente e curato in ogni minimo dettaglio.

                Un piccolo gruppo di lavoro: workshop

                Le tipologie di evento

                Ecco alcune delle tipologie di evento che possiamo organizzare:

                • Convegno: generalmente rivolto a persone che fanno parte dello stesso ordine professionale o associazione e che condividono gli stessi interessi. È un tipo di incontro in cui si condividono ricerche, dati e studi (leggi alcuni consigli utili per un convegno di successo);
                • Congresso: è un meeting a cui partecipa un numero ampio di persone per discutere di tematiche in particolare. Professionisti o studiosi si riuniscono per dibattere di politica, questioni sociali, eventi culturali, ecc.;
                • Tavola rotonda: coinvolge un numero limitato di persone, tra cui specialisti del settore che si confrontano e si scambiano opinioni, guidati però da un moderatore;
                • Workshop: è un laboratorio o seminario di studio in cui un gruppo di lavoro, con interessi comuni ma con competenze diverse, in presenza di un tutor, discute di un tema specifico;
                • Convention: è un’assemblea degli appartenenti a un’azienda e serve a rafforzare il rapporto e la coesione tra i dipendenti, ma anche con i clienti;
                • Conferenza: è un incontro aperto al pubblico, che però spesso richiama un determinato numero di persone, ad esempio una conferenza stampa con i giornalisti;
                • Esposizioni e fiere: servono per presentare prodotti e servizi ai clienti, al pubblico, ai rivenditori e ai produttori. Sono eventi in cui si costruiscono relazioni proiettate verso il futuro (consigli pratici per eventi fieristici);
                • Assemblea: è un raduno generale con i componenti di un’associazione per decidere o discutere di alcuni problemi di interesse comune;
                • Meeting: può essere di tipo culturale, sportivo o artistico e spesso serve anche a creare unione tra le persone di una stessa azienda;
                • Incentive Tour: soggiorno in Italia o all’estero dove oltre al servizio turistico vengono svolte riunioni di lavoro. Sono pensati per rafforzare la coesione aziendale.

                Qualunque sia il tipo di evento aziendale a cui stai pensando Nikal FM è al tuo fianco.

                 

                  Come possiamo essere utili?

                  *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

                  *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

                  *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


                  nikal logo bianco

                  Nikal Solutions Srl è un’azienda nata nel 1988 a Frascati. La società si occupa di Facility Management, di Merchandising Management e di Event Managament, creando servizi che si adattano alle esigenze del cliente, operando sia a livello locale che internazionale

                  Dove Siamo
                  Piazza Aldo Moro, 3
                  00044 Frascati
                  Roma Italia

                  Contatti
                  Tel +39 069420204
                  Fax +39 0694299081
                  Skype nikalfm
                  E-mail info@nikal.it