Le piante hanno un impatto positivo nell’ambiente di lavoro, per questo è importante che in ogni ufficio ci sia un piccolo spazio verde. Anche andare a lavorare diventerà più piacevole: migliorerà la qualità dell’aria, si avrà un maggiore benessere generale, della concentrazione e dell’apprendimento. A dimostrare questa tesi diversi studi e ricerche effettuate su come rendere migliore il posto di lavoro, in particolare una ricerca condotta da un team di ricercatori delle università di Cardiff (Regno Unito), Groningen (Olanda) e Queensland (Australia) ha dimostrato che alcune piante in ufficio aumentano la produttività lavorativa del 15%.

Quali piante scegliere per l’ufficio

Le piante da ufficio devono essere resistenti e non aver bisogno di cure continue, devono essere belle ma anche funzionali al tipo di ambiente, inoltre devono purificare l’aria grazie al loro potere filtrante delle sostanze nocive. In questo modo si rende l’ambiente ossigenato e più pulito, apportando un benessere fisico e mentale. Può sembrare facile scegliere una o più piante da ufficio, ma in realtà non è così. Per questo è sempre bene rivolgersi ai professionisti del settore, che sapranno fornire i consigli giusti su quali piante scegliere. Proprio come il personale di Nikal Solutions, che si occupa di giardinaggio e cura del verde. Un servizio con un approccio “green” a 360°: prodotti eco-friendly e macchinari in linea con gli standard ISO 14001. Inoltre Nikal mette a disposizione un architetto del verde, per progettare al meglio tutti gli spazi aziendali con soluzioni innovative di design e sostenibilità ambientale.

Leggi anche: I consigli per avere un giardino aziendale perfetto ed ecosostenibile

Ufficio e scrivania “green”

Le piante ideali per l’ufficio sono l’agave o l’aloe, che necessitano di poche cure e sono perfette anche per stare sopra la scrivania. Le piante grasse, in particolare i cactus, contribuiscono a mitigare gli effetti delle radiazioni emesse dai dispositivi elettronici.  Una pianta colorata, decorativa e non molto ingombrante è la pilea peperomioides; per purificare l’aria si può optare per l’areca palmata, il potus o la dracena marginata. Il bambù, invece, è perfetto per creare un divisorio naturale e poi ha anche un potere filtrante. Una pianta invece come la Melissa ha un effetto benefico sull’umore grazie all’aromaterapia. E poi ci sono il filodendro e la dracena, sempre molto efficaci per purificare l’aria.

Leggi anche: L’importanza del giardino per un’azienda

L’urban jungle di Bruxelles

Tante le aziende che stanno trasformando i loro uffici con le piante. Tra questi anche il Parlamento Europeo, che ha deciso di abbracciare la politica del verde per migliorare gli ambienti di lavoro, dalle singole stanze alle aree comuni dell’edificio, per il benessere di chi li vive e li frequenta. L’obiettivo è quello di avere un ritorno positivo sulla qualità del lavoro svolto e sulla produttività; ma anche abbellire, rendere più accogliente e piacevole la permanenza in un luogo, che sia l’ufficio come lo studio del medico, spesso considerato freddo o asettico. Il verde, la luce e spazi ben allestiti riescono a regalare serenità e benessere. Prendere decisioni in un luogo decisamente accogliente favorirà le scelte migliori per un futuro più sostenibile.

Scopri il servizio di Nikal sul giardinaggio e la cura del verde

 

    Come possiamo essere utili?

    *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

    *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

    *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio