Ogni azienda oggi per sopravvivere in un mercato ricco di competizione deve saper stare al passo con i tempi, non solo per prodotti e servizi offerti ai propri clienti, ma anche sapersi districare nel mondo del marketing tradizionale e digital, del merchandising e dei social network. Tutto questo per dare rilevanza al proprio logo, al brand, accrescere il numero degli utenti, dialogare direttamente in modo consapevole e a volte anche divertente. La promozione del brand nei tempi moderni passa soprattutto per quello che si riesce a creare nel mondo digitale, per l’attenzione alla sostenibilità e per l’innovazione.

Visual merchandising

Per attrarre i clienti in un negozio si punta molto sul “visual”, sul dare un’immagine ben definita e che riguarda la composizione della vetrina e l’esposizione dei prodotti. La stessa strategia si applica alla “vetrina virtuale” che è rappresentata ad esempio da un e-commerce, da un sito oppure dai social network. La vetrina reale o digitale che sia è il punto di contatto con i clienti e una sua gestione efficiente rende questo incontro piacevole, un’esperienza da ripetere. Studiare gli spazi di vendita, l’esposizione dei prodotti, ma anche l’aspetto comunicativo in base anche al target che si vuole raggiungere e attrarre sono punti fondamentali.

Scopri i servizi di Nikal sul merchandising

Il logo in primo piano

È importante concentrare la propria attenzione anche sul brand dell’azienda, sulle sue caratteristiche e sui valori che si vogliono trasmettere. Il logo rappresenta l’immagine dell’azienda e deve esserci una coerenza di messaggio in quello che si vuole far arrivare al pubblico, che va dal logo, al naming alla cromaticità utilizzata. E nel negozio che allestiamo, sia esso fisico che virtuale, il logo deve essere presente e far parlare di sé.

Un esempio? Pensiamo alle caffetterie Starbucks, famose non solo per i loro prodotti (caffè, cappuccino, muffin ecc.) ma anche perché sono riuscite a trasmettere al pubblico una moda americana che ora spopola in tutto il mondo: la colazione take away, il caffè sorseggiato per strada in particolari contenitori di cartone presenti in tantissimi film e per ultimi una serie di gadget che tutti si portano a casa come souvenir (tazze, bottiglie termiche, macchinette per il caffè). Tutto questo con il marchio ben in vista.

Leggi anche: E-gift cards: i nuovi gadget degli eventi a distanza

Aumentare la brand awareness

Questo di Starbucks è un esempio di come i prodotti di merchandising siano utilizzati a scopo di marketing e contribuiscano a rafforzare la brand identity, aumentando quella che viene definita brand awareness, ovvero la notorietà di un marchio, il grado di conoscenza.

Una società che punta a far diffondere il proprio logo e a farsi conoscere può scegliere un gadget ad esempio da regalare in fiera, ad un convegno o in altri grandi eventi. Un oggetto utile, da usare tutti i giorni, con un logo impresso che resterà così nella mente dell’utente in modo quotidiano e a portata di mano. Ma per farsi conoscere ci sono anche i social con i diversi modi di raccontarsi (storytelling, video, foto, reel), promuovendo contenuti, cercando testimonial e influencer.

Leggi anche: Far crescere un’azienda con il digital marketing e i social media