Alberi e piante hanno bisogno di cure e manutenzione costanti per crescere forti e rigogliosi. Da un lato ci pensa la natura, con l’alternarsi delle stagioni, i cicli lunari e le sue risorse preziose, ma dall’altro è necessario l’intervento mirato ed efficace dell’uomo. Un parco o un giardino aziendale ricco di vegetazione è il biglietto da visita di un ambiente serio e decoroso, perciò deve essere sempre florido e verdeggiante. Se la prima cosa da fare per la salute a la manutenzione delle piante è annaffiare con cura, la seconda sarà occuparsi di una buona potatura. Un’operazione importante per garantire la rigogliosità e la lunga vita di uno spazio verde. Vediamo allora i metodi di potatura più utilizzati per mantenere il giardino sempre florido e accogliente.

I metodi di potatura più utilizzati per un giardino sempre curato

La potatura richiede regolarità e metodo che assicuri che piante e alberi vengano rafforzati. Se fatta con i dovuti accorgimenti, è un’attività che permette di facilitare il pieno scorrimento della linfa e la rigenerazione dei tessuti vegetali, preserva i rami e la chioma dalle infezioni e protegge dall’incursione dei parassiti.

Alberi e piante, secondo la propria conformazione e natura, necessitano di una potatura differente. Un giardino aziendale ben fatto avrà alberi e piante di ogni tipo, comprese quelle da frutto. Per questo bisogna conoscere i vari metodi di potatura e il momento migliore per effettuarla o occorre affidarsi ad un team esperto come Nikal Solutions, che offre servizi di pulizia e giardinaggio di aree verdi.

I metodi più utilizzati per la potatura di alberi e piante sono:

potatura-professionale

CIMATURA

La cimatura è una particolare potatura verde che si effettua su vari tipi di piante durante il periodo estivo, quando i germogli sono in piena crescita. Essa consiste nell’eliminazione della parte superiore della pianta (cima) e serve a favorirne l’irrobustimento basale e limitare lo sviluppo in altezza, affinché la linfa fluisca nelle zone laterali, che producono i fiori. È la tecnica più conosciuta, la cosiddetta “spuntatina”, che però va fatta in modo netto e preciso per avere piante rigogliose e belle da guardare.

SPOLLONATURA

Un altro metodo di potatura verde è la spollonatura, un’operazione che si effettua nelle piante da frutto. Consiste nel taglio dei “polloni”, i germogli che si generano sul legno vecchio nella porzione basale del fusto. I polloni devono essere recisi poiché sottraggono energie e linfa ai germogli produttivi. Togliendoli, il ramo acquista maggior vigore e uno sviluppo adeguato secondo la forma che si desidera. Le piante di un giardino aziendale, ad esempio, dovranno mantenere una dimensione contenuta per non invadere le altre vegetazioni, lasciando ad ognuna il suo spazio.

SPUNTATURA

La spuntatura, come la cimatura e spollonatura, è un taglio che si effettua nella parte apicale della pianta. Ma diversamente dalle due potature verdi, la spuntatura è un taglio che si effettua nel periodo invernale, per stimolare la vegetazione delle piante e favorirne la ramificazione e la crescita ottimale. È un’operazione semplice, che si può effettuare su tutte le piante, specialmente quelle ornamentali da giardino, di cui si potrà notare l’aspetto rigoglioso già dopo una settimana dal taglio.

SFOGLIATURA

Non solo i rami, ma anche la chioma ha bisogno di una sfoltita in alcuni periodi dell’anno. La sfogliatura, come dice il nome stesso, è un metodo di potatura delle foglie che viene praticata principalmente su alberi all’interno di contesti urbani, quando la chioma risulta troppo folta. È una potatura di alleggerimento, che serve a ridurre il peso della pianta, ma può aiutare anche a ridurre le dimensioni dell’albero, qualora il giardino lo richiedesse per via della vicinanza a edifici o monumenti. In questo ultimo caso si tratterà di una potatura di contenimento o conformazione della chioma. Un bel giardino aziendale si riconosce dall’ordine e dalla pulizia, quindi anche le chiome degli alberi dovranno essere tutt’altro che “selvagge”.

RISANAMENTO

Quando la sfogliatura diventa eccessiva, l’albero può risultare danneggiato sia in salute che in estetica. È un problema tipico del contesto cittadino, dove i tagli effettuati in maniera netta sono molto frequenti. Per questo è importante affidarsi a un team esperto di giardinaggio, per avere un giardino sempre armonioso e in salute.  Se la pianta risulta in qualche modo “danneggiata”, bisognerà recuperarla con il metodo del risanamento, eliminando le parti di chioma disseccate, spezzate o attaccate dai parassiti. Questo tipo di potatura è molto importante: eliminare i rami secchi riduce il rischio di farli spezzare e ridona inoltre all’albero una seconda vita, restituendogli il vigore e la bellezza originari!

Leggi anche: Come innaffiare un giardino? Alcune semplici regole da tenere a mente

giardino-aziendale