smart-mirror

Smart Mirror: le nuove vetrine che mostrano video e immagini

Lo shopping on line sta spopolando sempre di più negli ultimi anni. Acquistare via internet è semplice e veloce, basta un click. Ma la preferenza resta ancora l’andare fisicamente nei negozi. Perché l’esperienza del retail è più divertente e sicura. È per questo che Amazon ha brevettato gli smart mirror, le nuove vetrine intelligenti che mostrano video e immagini per facilitare l’acquisto. Scopiamo di cosa si tratta.

Cos’è lo smart mirror

Suscitare emozioni e curiosità è il segreto per invogliare il cliente nell’acquisto. Avere un negozio significa conoscere segreti e tecniche di visual merchandising per saper vendere i propri prodotti. Una novità a cui molti commercianti di abbigliamento e non solo si stanno già adeguando è lo smart mirror, una sorta di camerino virtuale che unisce la velocità del click al piacere di fare shopping. Si tratta di un dispositivo di alta tecnologia che prevede l’uso combinato di uno specchio che riflette l’immagine dell’utente e un display touch-screen che proietta uno sfondo virtuale. Una spiaggia, una passerella, un aperitivo, una pista da ballo o altri sfondi intelligenti per creare il contesto e facilitare la scelta. Nulla è lasciato al caso o all'immaginazione, perché sul display compaiono anche tutti i prodotti disponibili, di ogni taglia e colore. Dopodiché, basta collegarsi al proprio smartphone o avvicinare la propria carta di credito e l’acquisto è fatto.

Come funziona?

Lo smart mirror viene solitamente posizionato in prossimità di un camerino per dare l’idea di un utilizzo analogo. In realtà è ancora più facile e divertente. Fare shopping utilizzando una vetrina virtuale è semplicissimo: basta specchiarsi con indosso l’outfit scelto, oppure selezionare il capo d’abbigliamento cliccando sul display. Lo specchio, collegato all’inventario del negozio, fornirà suggerimenti sui prodotti, compresi accessori abbinabili, taglie e colori alternativi. È anche possibile scattare delle foto una volta provato l’outfit, e confrontare le varie immagini. È un modo per facilitare la scelta e invogliare l’acquisto.

Le nuove vetrine tra passato e futuro

La possibilità di provare un prodotto prima di acquistarlo è un’esperienza che si può vivere solo entrando in un negozio. Solo così si ha la certezza che quel vestito, quelle scarpe o quel jeans stiano a pennello, oppure no. Ma lo shopping vecchio stampo non è sempre alla portata dei nostri tempi stretti o delle nostre tasche. E così, spesso, si ricorre all’acquisto on line, più veloce ed economicamente competitivo.

Proprio per andare incontro alle nuove esigenze, il colosso di Seattle ha ideato un sistema capace di fondere i due mondi: vecchio e nuovo, passato e futuro. Lo smart mirror è proprio questo: l’anello di congiunzione tra il piacere dello shopping diretto e la rapidità dell’e-commerce. Molti negozi hanno già scelto di adottare queste nuove tecnologie interattive, per invogliare i consumatori a tornare nei negozi fisici e vivere un’esperienza unica e non replicabile on line.

Contattaci per sapere di più sul nostro servizio di Gestione Merchandising

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


esa space shop

Un tuffo nello spazio grazie all’ESA Space Shop

È online da poco più di un mese il sito web dell’ESA Space Shopwww.esaspaceshop.com! Il fantastico negozio virtuale dell’Agenzia Spaziale Europea dove immergersi totalmente in un’atmosfera extraterrestre e scoprire un mondo del tutto nuovo.

L’ESA è stata fondata nel 1975 con l’incarico di coordinare i progetti spaziali. È composta da membri di 22 stati europei che collaborano per raggiungere risultati scientifici e industriali nello spazio. Le missioni dell’ESA utilizzano come base di lancio il punto di Kourou in Guyana Francese.

esa shop

Cos'è l'ESA Space Shop

Nikal FM, azienda multiservizi di Roma, gestisce il negozio online per la vendita dei prodotti a marchio ESA, occupandosi non solo dell’interfaccia col cliente ma anche di tutti i passaggi che implica a monte come produzione e la brandizzazione dei prodotti. Nikal FM cura l’ESA Space Shop a 360°, dalla creazione degli articoli fino alla consegna.

Nello shop è possibile acquistare magliette e felpe con i disegni dei pianeti del sistema solare, orecchini ispirati alle fasi lunari, cravatte, cappelli, spillette e foulard brandizzati ESA. In più c’è un’ampia offerta di gadget tecnologici come pennette usb a forma di navicella spaziale o di astronauta.

Su www.esaspaceshop.com si possono acquistare grandi classici come borse, bloc notes e poster e, soprattutto per i più appassionati, anche modellini dei lanciatori spaziali! Nikal FM riesce a rispondere ai desideri più disparati dei suoi clienti con oltre 3000 prodotti tra cui scegliere sul nuovo portale online dell’ESA Space Shop.

Tutte le novità

Inoltre, l’ESA Space Shop è pensato per adulti, per bambini e addirittura per i neonati. C’è infatti un reparto dedicato ai più piccoli, con body e giochi dal design davvero unico e divertente. Il nuovo ESA Space Shop è stato presentato in esclusiva a Milano, in occasione di un importante evento organizzato dall’Agenzia Spaziale Europea, con un Temporary Shop. Sono stati presentati per la prima volta in esclusiva al pubblico una selezione di prodotti tra i più nuovi e ambiti dai clienti, come i modellini dei lanciatori spaziali, gli ombrelli con il design del sistema solare e tanti altri.

L’ESA Space Shop è anche sui social network, con profili Facebook e Instagram. Seguite l’ESA Space Shop per essere sempre aggiornati sulle ultime novità “spaziali” in arrivo… non perdete il prossimo lancio!

 

esa shopesa shop

esa space shop

 

 

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


L'importanza dei gadget per un'azienda

Gadget aziendali: perché usarli e come scegliere quelli giusti?

I gadget aziendali sono sempre un ottimo alleato per farsi pubblicità. Investire una piccola somma per realizzare dei gadget personalizzati per le aziende può essere un mezzo per ottenere un grande ritorno in termini di promozione, immagine e clientela.

3 validi motivi per usare i gadget aziendali 

1. Strategia di marketing

Innanzitutto, realizzare gadget personalizzati ha un’importanza rilevante nelle strategie di marketing per le aziende perché si prestano perfettamente ad essere un sistema di promozione efficace per raggiungere nuovi potenziali clienti e continuare ad essere apprezzati da quelli già affezionati.

2. Fidelizzazione Clienti

In secondo luogo infatti i gadget aziendali agevolano il processo di fidelizzazione della clientela, la quale, sentendosi omaggiata, tenderà a scegliere inconsapevolmente il marchio dell’azienda che ha dimostrato una forte considerazione del cliente. La fidelizzazione di un cliente è uno dei principali obiettivi di una buona strategia di marketing aziendale e, in questo senso, i gadget vanno ad aumentare il senso di appartenenza e migliorare la brand identity.

3. Brand Awareness

Infine, i gadget personalizzati sono molto utili per accrescere l’immagine del brand e migliorarne la sua percezione. Per esempio, un’azienda che regala un vasetto in legno per una pianta verrà considerata come una realtà che pone particolare attenzione all’ambiente, o ancora, se si regala una chiavetta USB si darà l’impressione di essere un’azienda interessata alle nuove tecnologie.

Dunque, la scelta dei gadget aziendali merita una certa attenzione. In questo campo, errori banali possono compromettere il raggiungimento del loro stesso scopo o, addirittura, essere controproducenti. In fondo, la posta in gioco è alta e ne vale della reputazione aziendale.

Ecco come scegliere i gadget giusti per le aziende 

Gadget Aziendali: Come scegliere quelli giusti

Nella scelta dei gadget da personalizzare per l’azienda un aspetto da non sottovalutare è quello della qualità. Meglio pochi, ma buoni. Preferire un oggetto non solo esteticamente piacevole, ma anche funzionale, è sicuramente di maggiore impatto rispetto ad accessori che non hanno alcuna utilità. D’altronde, la funzione del gadget è proprio quella di rispondere ad una necessità del cliente e solo realizzando questo obiettivo si centrerà in pieno l’intento di questo investimento: “esserci quando il cliente ha bisogno”.

Il mercato offre davvero un’ampia gamma di oggetti da personalizzare per promuovere la propria azienda. In questo mare di opzioni ci si può orientare preferendo sempre un gadget che sia il più possibile attinente al tipo di attività svolta dall’azienda stessa.

Scegliere un oggetto pertinente all’attività aziendale permette una più agevole associazione tra il gadget e l’azienda, in questo modo il cliente si ricorderà facilmente del brand al momento opportuno.

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


visual merchandising esposizione in fiera

Visual merchandising: cos'è e come sfruttarlo nella tua azienda in cinque mosse

Un prodotto è lì per essere acquistato da un consumatore. Ma per far sì che questo incontro tra domanda e offerta avvenga spesso è necessaria un’arte, quella del visual merchandising. Un’arte della persuasione in grado di coinvolgere tutti i sensi di un cliente e trasmettere un messaggio ben chiaro.

Con una serie di tecniche possiamo predisporre un punto vendita nel migliore dei modi e mettere in atto delle strategie per attirare i clienti, vendere di più e aumentare i profitti. La merce assume così un ruolo attivo, perché viene presentata al cliente e viene messa in primo piano.

Il visual merchandising realizza quindi l’esposizione in un qualsiasi negozio, museo, fiera o convegno, curando il design, gli arredi, le luci e gli spazi e di fatto anche la comunicazione, perché quei piccoli accorgimenti che mette in atto rendono il locale  o il prodotto più attraente.

Per fare tutto questo bisogna rivolgersi a un team di esperti, a personale competente e specializzato come quello che può offrire Nikal Solutions. Il visual merchandising è un’arte e come tutte le arti va sfruttata al meglio. Ecco come farlo in cinque mosse.

Leggi anche: Gadget aziendali perchè usarli e come scegliere quelli giusti

Visual merchandising in cinque mosse

1) Valorizzare i prodotti

Mai sovraccaricare gli scaffali o una vetrina del negozio, perché se pensiamo così di offrire tanta scelta ai nostri clienti, rischiamo di creare confusione a chi osserva e non dare il giusto risalto ai prodotti esposti. Meglio scegliere quindi quelli su cui puntare e valorizzarli al massimo. Il primo impatto è visivo, per cui serve qualcosa che attiri l’attenzione

2) Come esporre la merce

Un prodotto può essere proposto da diversi punti di vista. Sicuramente va posizionato ad altezza uomo e, nel caso si tratti di un articolo di abbigliamento, può essere appeso a una stampella oppure indossato da un manichino. I prodotti possono essere divisi per taglie e per colori. È possibile creare degli outfit o abbinamenti per mostrare la vestibilità e indurre il cliente anche a comprare più di un prodotto. Nel caso, invece, di arredamento è consigliabile mostrare proprio come collocare un mobile o come presentare una cucina e questo darà sicuramente più valore a quello che si vuole vendere.

3) Prodotti in primo piano

Il prodotto quando viene presentato visivamente al pubblico assume un ruolo attivo nella vendita, perciò una presentazione ben fatta contribuisce a renderlo appetibile e desiderabile. Il prodotto è lì per creare un’empatia con il cliente, dargli un’emozione, attivare i suoi sensi. Vanno esposte in modo chiaro anche eventuali offerte, promozioni e novità. 

4) Come accogliere il cliente

Il cliente che entra in un negozio deve trovare un ambiente accogliente e caldo (di conseguenza bisogna regolare anche la temperatura). Deve sentirsi a casa, emozionarsi e interagire con l’ambiente che lo circonda, in modo da attivare tutti i suoi sensi. Una buona musica nel sottofondo può aiutare a regalare buonumore e invogliare a passare del tempo in negozio. Leggi alcuni dei nostri consigli utili su come accogliere i clienti.

5) Rispetto del brand

La presentazione di un prodotto deve avvenire rispettando l’immagine del brand ed essere quindi coerente con la linea che il marchio ha deciso di seguire. Percìo il prodotto mantiene la stessa filosofia ed estetica scelta dall’azienda che in quel momento rappresenta.

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


Vetrina Negozio

Consigli utili su come allestire la vetrina del tuo negozio

Catturare l’attenzione e invogliare il passante a fermarsi: lo scopo di una vetrina è proprio questo… rapire il cliente con un prodotto esposto, dargli un’emozione e spingerlo ad entrare in negozio.

La vetrina è visibilità! Si tratta del primo impatto con il cliente e deve essere curata in ogni dettaglio e nel migliore dei modi. Allestire la vetrina, che sia commerciale o artistica, non è un gioco da ragazzi ma un vero e proprio lavoro che il negoziante o il visual merchandising deve svolgere in modo accurato e in base alla tipologia di merce che viene venduta.

Consigli utili per una vetrina doc

Consigli utili per allestire vetrina negozio

La vetrina deve essere attraente per cui, se possibile, piuttosto che essere una semplice esposizione di prodotti è bene che racconti una storia, che abbia una scenografia e che quindi punti ad emozionare il passante e a regalargli un momento magico. Si può scegliere ad esempio un tema e di conseguenza usare elementi fisici che fanno sempre molta presa sul cliente e puntare su uno sfondo ad effetto. Servono pochi colori in vetrina, per ogni stagione o tema bastano al massimo 2 o 3 tonalità.

Per i clienti più tecnologici avere in vetrina informazioni aggiuntive tramite “qr code” o riferimenti ai social del negozio è sicuramente un modo per avvicinarli. Inoltre la vetrina va cambiata spesso, così da attrarre anche la clientela più affezionata che abitualmente passa spesso davanti al negozio, ma anche per andare incontro a gusti differenti di chi guarda le vetrine. In media a seconda dei periodi la vetrina va cambiata ogni 15 giorni.

Leggi anche: Smart Mirror, le nuove vetrine che mostrano video e immagini

1. Le parole giuste

Tempestività e creatività sono le parole d’ordine per trasformare l’esposizione in vendita. Tempestività nel saper giocare d’anticipo rispetto agli altri nel proporre temi e creatività negli allestimenti, che devono essere originali. Si può ad esempio utilizzare qualcosa di particolare o di tecnologico non solo per la vetrina ma anche per l’esterno del negozio, un piccolo oggetto può cambiare l’immagine generale.

Non è da meno la parola “pulizia”: la vetrina e il negozio devono brillare, non dare l’idea di trascuratezza e avere una buona illuminazione di giorno e di notte.

2. Come esporre i prodotti in vetrina

Non bisogna mai puntare sulla quantità di prodotti da esporre. Il cliente può sentirsi disorientato davanti a una moltitudine di merce in vetrina. Non saprebbe dove guardare, e piuttosto che ottenere la sua attenzione avremmo l’effetto opposto. Per cui bisogna scegliere con cura la merce su cui puntare per l’allestimento: meglio optare per un prodotto alla volta, oppure nel caso di abbigliamento creare un outfit completo di ogni accessorio; o ancora puntare su un best seller. È altrettanto importante scegliere sempre la merce di cui si ha una giacenza in grado di coprire le vendite.

I prodotti vanno inseriti in vetrina con il prezzo ben visibile, non solo per una questione di legge, ma anche per essere chiari con i clienti. Si possono scrivere i prezzi a mano e in modo originale o vintage, tanto per distinguersi. Mai posizionare un prodotto in terra perché questo sminuisce il prodotto stesso. Inoltre lo sguardo va sempre al centro della vetrina e a un’altezza media di circa un metro e mezzo. Questo è il punto focale per posizionare il best seller, lo sguardo poi ruota a destra, in alto e poi va verso sinistra.

3. Le vetrine a Natale: vetrofanie e decorazioni

Natale è uno di quei periodi in cui i negozianti danno il meglio, regalandoci vetrine incantevoli e ricche di magia. Ogni negozio deve avere la sua vetrina personalizzata, evitando possibilmente cartelli fatto a mano.

Possono bastare pochi oggetti e colori ma scelti con cura, oppure è possibile acquistare delle vetrofanie che incuriosiscono sempre i passanti. Gli adesivi sulle vetrine riescono infatti a dare un forte impatto. Sono innovativi, sorprendenti e permettono di rinnovare, anche solo temporaneamente, l’allestimento con facilità.

L’atmosfera del Natale ci permette davvero di giocare con i colori, con tanti elementi e con fondali accattivanti che raccontano storie, emozioni e magie. L’importante è essere sempre creativi e originali.

Chiedi aiuto a Nikal

Rivolgersi ad un personale competente e specializzato è molto spesso la scelta migliore! Se vuoi realizzare qualcosa che sia assolutamente perfetto puoi rivolgerti a Nikal. Un team di esperti in merchandising potrà aiutarti non solo ad ideare prodotti brandizzati originali e di qualità, ma anche a gestire negozi fisici e spazi dedicati alla vendita online.  

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


ecniche visual merchandising

10 Tecniche efficaci di Visual Merchandising

Puoi avere i migliori prodotti sul mercato, ma se non sai presentarli nella maniera corretta non riuscirai mai ad interessare i visitatori del tuo negozio.

Suscitare emozioni, stimolare interesse e curiosità per accompagnare i tuoi clienti in un’esperienza d’acquisto piacevole, questo è l’obiettivo del visual merchandising. Mostrare un’immagine del brand in linea con i valori, la filosofia e l’estetica del marchio crea una forte identità riconoscibile che rimane impressa nella memoria dei tuoi clienti.

Ma non è tutto oro quello che luccica, il visual merchandising richiede immaginazione, ma anche alte competenze di design e marketing. Un’arte difficile da padroneggiare, ma che regala grandi soddisfazioni.

10 Pillole di Visual Merchandising per il tuo negozio

tecniche visual merchandising

Abbiamo raccolto alcune efficaci tecniche di visual merchandising che il nostro team ha testato sul campo e un paio di novità e innovazioni del settore.

1. Indica la via ai tuoi clienti

Saper condurre i tuoi clienti dove e quando vuoi è un’importante risorsa che ti permette non solo di guidare i tuoi clienti all’interno del tuo negozio, ma anche di posizionare in punti chiave prodotti e nuove promozioni, o ancora, indirizzarli saggiamente verso aree del negozio strategiche per la tua attività.

2. Raggruppa piccoli oggetti per attirare attenzione

I piccoli oggetti spesso passano inosservati a causa delle dimensioni ridotte, cosa fare per restituirgli dignità? Sfrutta la forza del numero attraverso la tecnica di visual merchandising che in America prende il nome di Mass Display. Raggruppa i piccoli oggetti per creare delle composizioni originali, divertenti e soprattutto molto grandi.

3. Crea un tema unico e originale

Realizzare un allestimento a tema è un modo simpatico per rafforzare l’identità di brand e attirare chi passa davanti al tuo negozio. Puoi sfruttare festività, eventi locali o il cambio di stagione per creare composizioni capaci di distinguere il tuo negozio dagli altri. Oltre alle ricorrenze si possono sfruttare temi più originali legati all’identità del brand, ad esempio, per un negozio di abiti da spose il tema fiabesco, per un negozio di borse il tema floreale, uno store di prodotti per animali può utilizzare un tema cartoon.

4. Siamo nel 2019, utilizza la tecnologia!

Se ami la tecnologia puoi sfruttarla per coinvolgere i tuoi clienti in un’esperienza di shopping unica. Hai mai sentito parlare di Smart mirror? Si tratta di una vetrina tecnologica al cui interno è presente un dispositivo che trasmette video e immagini. Alcuni modelli sono addirittura capaci di interagire con i movimenti delle persone. Un’ottimo modo per far affollare la vetrina del tuo negozio da persone incuriosite.

5. Prodotti accessibili, prodotti acquistabili

Hai presente le bottiglie di prosecco sugli altissimi scaffali dietro i banconi dei bar? Ecco un esempio di prodotto non accessibile. Sfrutta intelligentemente l’interno del tuo negozio per offrire ai tuoi clienti prodotti facili da prendere, visionare e con un po’ di fortuna da acquistare. È buona pratica posizionare i propri prodotti in vendita ad un’altezza da terra compresa tra i 50cm e i 150cm.

6. Immagina composizioni attraenti

Perché accontentarsi della vendita di un singolo prodotto quando puoi sfruttare composizioni per creare outfit con elementi che si abbinano tra loro? Sfrutta la tua immaginazione per allestire la vetrina del tuo negozio con composizioni che faranno desiderare ai tuoi clienti l’intera composizione.

7. Ordine, ordine, ordine

L’ordine e la pulizia sono essenziali in un negozio. Ma non vogliamo farti la ramanzina sulla pulizia del tuo locale, puoi sfruttare l’ordine per raggruppare i tuoi prodotti su vari aspetti. Raggruppa per colore i tuoi capi d’abbigliamento, ordina per prezzo gli smartphone in vendita, crea delle aree di categoria di prodotto. In questa maniera i tuoi clienti riusciranno a trovare i prodotti che desiderano in maniera più semplice e immediata andando dritti all’obiettivo.

8. Apprendi dai tuoi errori

Non si nasce imparati, noi tutti abbiamo commesso degli errori prima di raggiungere grandi risultati. Se un tuo prodotto non vende cerca di capirne il motivo, spesso la causa non è il prezzo, ma è la presentazione. Metti in moto la creatività e cambia veste al tuo prodotto sfruttando la tecnica di Visual Merchandising più potente: la fantasia!

9. Esposizione di abbigliamento su pannelli

Una delle ultime tendenze del visual merchandising per il settore abbigliamento prevede l’esposizione di prodotti su pannelli. Sfrutta queste tecnica per variare l’esposizione della merce e fornire un nuovo punto di vista per i tuoi clienti.

10. Fruga in cantina

Un’altra tendenza è l’utilizzo di materiale riciclato per allestire vetrine bizzarre ed eccentriche. Supporti in plastica, legno, scatole di cartone, sono tante le possibilità per dare una seconda chance ad oggetti destinati alla discarica. Fai un favore all’ambiente e regala un pizzico di originalità alla tua vetrina.

Queste erano solo alcune delle tecniche di visual merchandise, continua a seguirci per scoprire le ultime novità del settore. Hai un negozio e vuoi affidare il tuo negozio ad un team esperto? Contattaci per sapere di più sul nostro servizio di Gestione Merchandising.

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio