cesimento-distributore-automatico

Censimento distributori automatici: cosa bisogna sapere

Dal 1 gennaio 2018 è diventato obbligatorio trasmettere all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, i corrispettivi economici derivanti dalla vendita di merce soggetta all’applicazione dell’IVA attraverso i distributori automatici. Così, in virtù del decreto legislativo 127/15, tutti i titolari di partita IVA sono stati chiamati a mettersi in regola e ad informarsi su come trasmettere telematicamente anche i corrispettivi dei distributori automatici.

Molti distributori installati oggi in Italia, però, non sono compatibili con le nuove tecnologie. Le macchine non conformi dovranno essere sostituite o adeguate alla nuova normativa entro entro il 1 gennaio 2023. È stato necessario individuare un modo alternativo per permettere il censimento dei distributori automatici non provvisti di “porta di comunicazione attiva o attivabile”.

Come adeguare i distributori automatici non compatibili

Per poter procedere al censimento di un distributore automatico non provvisto di porta di comunicazione, il titolare dell’attività deve accedere al portale dell’Agenzia delle Entrate, inserendo i dati di accesso in suo possesso o forniti dal proprio commercialista. Bisogna poi comunicare all’Agenzia la data di attivazione del distributore, la matricola identificativa, l’informazione che l’apparecchio non è dotato di una porta di comunicazione e altri dati indicati nelle specifiche tecniche allegate al provvedimento.

A questo punto, viene generato un QRCode, da apporre sull’apparecchio, che contiene l’indirizzamento alla pagina web gestita dall’Agenzia delle Entrate, dove chiunque potrà verificare i dati identificativi del distributore e del relativo gestore.

Comunicazione dei dati di vendita all’Agenzia delle Entrate

Nel caso di distributori automatici non provvisti di porta di comunicazione (da non confondere con la porta che consente la connessione ADSL), una volta adeguata la macchina alla normativa di legge, il titolare potrà trasmettere all’Agenzia delle Entrate i dati relativi alla vendita mediante un apposito dispositivo mobile.

Per quanto riguarda i distributori automatici con porta di comunicazione, invece, la prassi è più semplice. La trasmissione quotidiana dei dati avviene automaticamente, mentre nulla viene scontato in merito alla procedura di registrazione che, anche in questo caso, prevede un Codice QR identificativo generato dal sito dell’Agenzia delle Entrate. Il Codice QR, oltre ad essere affisso sulla macchina, deve essere anche caricato sul sito https://amclub.amdistributori.it/ per la trasmissione dei dati di vendita quotidiani.

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


servizio distributori automatici

Distributori automatici, come e quale scegliere per la tua azienda

C’è qualcuno che ha ancora dei dubbi sull’installare distributori automatici di bevande e cibo in azienda o in qualunque altro luogo di lavoro e aggregazione? Siamo pronti a sfatare gli ultimi tabù.

I distributori automatici sono ormai diventati un’esigenza collettiva, un’ottima alternativa alla pausa pranzo fuori sede, fanno risparmiare tempo - soprattutto se bar o ristoranti non sono vicini al posto di lavoro - e garantiscono oggi prodotti di altissima qualità.

Come scegliere un distributore automatico

Può non essere facile districarsi nell’infinito mondo della distribuzione automatica, per questo Nikal Solutions è pronta a consigliare quale macchina di ultima generazione installare, e a garantire pulizia, manutenzione e ricarica dei prodotti.   

Tener conto del numero dei dipendenti e dello spazio

Ci sono vending machines di tutti i tipi, forme e dimensioni, proprio per adattarsi alle necessità delle varie aziende. Il servizio si rivolge a grandi aziende, hotel, esercizi e centri commerciali, scuole e strutture aggregative e a qualsiasi attività che voglia offrire un servizio a dipendenti, clienti e ospiti.

Per scegliere un distributore automatico bisogna tener conto dello spazio che si ha a disposizione per installarlo e del numero delle persone presenti in azienda, così da scegliere una macchina in grado di erogare un numero adeguato di consumazioni.

pausa in ufficio

Distributori automatici di caffè e altre bevande, snack e alimenti

Una vending machine può erogare bevande calde e fredde, ma anche snack proteici e salutari come cibi da consumare in pausa pranzo, come suggerisce Nikal. Le macchine di ultima generazione riescono ad andare incontro ad ogni tipo di esigenza e qualità: un buon caffè, pasti e snack per intolleranti, migliorando efficienza, umore e salute di chi usufruisce del servizio.

Installare dei distributori automatici è un modo per prendersi cura della propria azienda e dei propri dipendenti, perché non solo si ottimizzano tempi e costi, ma perché questo servizio consente anche un aumento della produttività e una maggiore coesione tra dipendenti e clienti.

Da leggere: Censimento per Distributori Automatici

Il servizio offerto da Nikal

Nikal offre una consulenza sulla scelta della macchina in base agli spazi e necessità dell’azienda richiedente. Inoltre, si fa carico con i propri addetti di tutte le fasi successive, come manutenzione, ricarica e assistenza.

Scopri i servizi di Nikal sui distributori automatici.

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio


Distributori Automatici, arriva l'iperammortamento!

In arrivo l’iper-ammortamento

Il mercato della distribuzione automatica generale (che riguarda cibi, bevande e caffè porzionato, ovvero quello in capsule e cialde) è in crescita. I dati del 2017 mostrano un +3,5% rispetto all’anno precedente, per un giro di affari di 3,5 miliardi di euro per 11,1 miliardi di consumazioni complessive.

Analizzando i singoli dati raccolti dallo studio di Confida realizzato in collaborazione con Accenture, è evidente come sia cresciuto l’automatico di 1,87%, ma come soprattutto sia quello porzionato ad aver fatto la parte del leone con un aumento del 5,1%. Il grosso del traino arriva dalla vendita delle capsule destinate alle famiglie +11,3%.

Distributori automatici di caffè ed acqua

Nel mercato dell’automatico a crescere in particolar modo è il consumo delle bevande fredde (+5,01%) e quello delle bottigliette d’acqua (+5,80%). In pratica dopo il caffè (un consumo pari a 2,7 miliardi) il prodotto più venduto dalle vending machine è proprio l’acqua. Il caffè, nonostante le vendite già alle stelle, ha fatto registrare un +0,59%, bene anche gli snack +0,58%, con in testa cioccolato (+3,19%) e biscotti (+4,55%).

Incentivi fiscali per le vending machine

Ma la crescita non si fermerà qui, perchè un nuovo impulso potrebbe arrivare dall’estensione degli incentivi fiscali del piano Impresa 4.0. Il ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha infatti esteso ai distributori automatici una serie di agevolazioni. I distributori automatici di bevande e alimenti, ma anche sigarette e medicinali, sono considerati a tutti gli effetti negozi automatici (magazzini interconnessi), perché prestano in maniera autonoma un servizio.

Iper-ammortamento 2018: come ottenerlo

Potranno, quindi, godere dell’iper-ammortamento in misura pari al 250%, ma sarà un beneficio riservato solo ai distributori di ultima generazione, quelli denominati “smart” che hanno i requisiti richiesti dalla normativa. Si tratta di distributori smart e interconnessi che comunicano con una piattaforma cloud integrata in una programma per la gestione di malfunzionamenti e del magazzino in tempo reale.

Il beneficio dell’iper-ammortamento verrà applicato a tutti gli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2018 o a quelli completati entro il 31 dicembre 2019, ma con la condizione che entro il 31 dicembre di quest’anno il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti in misura almeno pari al 20% del costo di acquisizione. Il beneficio potrà essere anche retroattivo, per tutti gli operatori che hanno acquistato beni nel 2017.

Italia leader della distribuzione automatica

Questi benefici, secondo Massimo Trapletti, presidente di Confida, sono un riconoscimento importante per il settore della distribuzione automatica, in cui l’Italia è leader a livello internazionale. L’Italia ha, infatti, la più grande catena distributiva alimentare automatica di tutta Europa: oltre 800mila distributori automatici installati in tutta la Penisola.

Stai pensando di installare un nuovo distributore automatico nel tuo ufficio, hotel o esercizio commerciale? Scopri alcuni consigli utili su come e quale distributore scegliere o Contattaci per una consulenza gratuita!

 

Come possiamo essere utili?

*Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

*Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

*Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio