Quando ci si appresta a realizzare dei volantini o dei bigliettini da visita è importante scegliere la carta per la stampa in base alla sua grammatura e al prodotto finale che vogliamo ottenere. La grammatura indica il peso in grammi di 1m2 di carta, in pratica mostra il rapporto tra il peso che si esprime in grammi e la superficie in metri quadrati. Tale valore dipende inoltre dallo spessore (la profondità che si esprime in millimetri) e dalla consistenza del foglio (che è data dalla quantità di fibra di legno presente).

Più la grammatura è alta e maggiore è la rigidità della carta, al contrario se diminuisce la grammatura il foglio si presenta più trasparente e flessibile. La scelta della grammatura della carta incide sull’estetica del prodotto e sulla sua funzionalità. Ogni prodotto deve avere il suo supporto ideale per una resa efficace, ed è quindi importante conoscere i diversi tipi di grammatura per una buona scelta.

Carta per la stampa: la grammatura

La grammatura della carta da stampante o per le fotocopie ha un valore di circa 80-90 g/m2 ed è molto usata quando si devono fare tirature molto elevate, perché è economica. Se bisogna effettuare, però, una stampa con grandi superfici colorate consigliamo di usare una carta con grammatura superiore a 100g/m2 per avere una resa qualitativa migliore. Il colore, infatti, se impresso su una carta troppo leggera può lasciare segni sul retro del foglio.

Per prodotti cartacei che invece devono durare nel tempo e quindi presentare una certa resistenza, come i bigliettini da visita, inviti o cartoline, è necessario stampare su carta con una grammatura più elevata che varia tra i 300 e i 350g/m2. Questo tipo di carta garantisce un’ottima resa estetica e resistenza nel tempo.

Le altre grammature

Se dobbiamo realizzare brochure o volantini pubblicitari, la grammatura della carta può variare molto e dipendere anche dalla forma e dalla struttura che bisognerà dare al prodotto finale. In ogni caso non si dovrà mai scendere sotto il valore minimo di 115g/m2 ma non superare i 170 gr/m2 per garantire una buona piegatura, soprattutto nel caso delle brochure. Alla carta è possibile dare anche un effetto lucido od opaco per rendere il prodotto più attraente e piacevole sia alla vista che al tatto. I giornali quotidiani, invece, utilizzano una grammatura di 35-55 g/m2, una carta molto leggera e che non deve durare nel tempo. Le riviste al contrario hanno una grammatura delle pagine interne che va da 100 a 130 gr/m2, mentre le copertine di 250-350 gr/m2.

Il servizio di Nikal

Noi di Nikal Solutions offriamo ai nostri clienti un servizio tipografia conto terzi, professionale e con elevati standard ecologici. Un servizio che, oltre ad abbattere costi e tempi di lavorazione, è in grado di mettere a disposizione macchinari di ultima generazione, stampa digitale, rifinitura e rilegatura, ma anche ideazione grafica, suggerimenti e consigli per ottenere un ottimo prodotto finale.

Conclusioni

Una carta con maggiore grammatura può essere impiegata per avere un prodotto finito di qualità e pregio. Non è detto, però, che sia sempre così e che il costo sia necessariamente più elevato. Il nostro consiglio è quello di valutare sempre bene e con gli esperti del settore la scelta della carta per la stampa in base sia alla resa finale che alla funzione del prodotto.

 

Scopri il servizio Tipografia di Nikal Solutions

 

    Come possiamo essere utili?

    *Ho letto e accetto l’informativa sulla privacy

    *Acconsento di ricevere informazioni commerciali e pubblicitarie

    *Consenso obbligatorio per l'utilizzo del servizio